Consonno, il borgo abbandonato in Provincia di Lecco

Pubblicato il 28 Novembre 2018 | Autore Rolando

Si legge in 2 minuti
Consonno, il borgo abbandonato in Provincia di Lecco - crediti foto https://www.centoparole.it/2014/04/consonno-lo-scheletro-di-un-sogno/

Nella Provincia di Lecco, più precisamente nel comune di Olginate, in seguito all’abuso edilizio e alla frana del ’76 nacque il borgo abbandonato di Consonno.

Questa frazione di Olginate situata ai piedi delle Prealpi lombarde è un’autentico villaggio fantasma aperto al pubblico. L’ideale per gli amanti dell’Urbex che non vogliono avere questioni con proprietari e autorità, anche se con qualche piccola limitazione (che vediamo tra poco).

Come raggiungere Consonno

vista da satellite di Consonno – immagine Google Maps

Questo borgo abbandonato è raggiungibile da due strade, una che passa da Olginate, l’altra invece da Villa Vergano.

Per queste strade l’accesso in auto è vietato da una serie di sbarre, le quali però vengono aperte ogni domenica e solo sulla strada che viene da Villa Vergano in due differenti fasce orario durante tutto l’anno:

  • Dalle 10:00 alle 12:00 a partire dalla domenica successiva alla famosa Burrolata che ha luogo la seconda domenica di ottobre fino a inizio Aprile
  • Dalle 10:00 alle 19:00 in primavera ed estate.

Se la tua intenzione è di visitare il borgo nel periodo invernale per immortalarne la lugubre essenza, nessun problema. Riuscirai tranquillamente ad esplorare il tutto nell’arco di un paio d’ore.

Se in ogni caso volessi prendertela comoda, lasciando la macchina prima delle sbarre dalla parte di Villa Vergano ti aspetterebbe una camminata di solo 1 kilometro per raggiungere Consonno.

Consonno: limitazioni durante la visita

il Minareto di Consonno devastato dai vandali con murales e grate sfondate – immagine di Coniglio della Moda

È importante che tu sia consapevole del fatto che – nonostante l’apertura al pubblico – Consonno è a tutti gli effetti una proprietà privata. Prima di farci un giro ti consiglio quindi di dare un’occhiata all’articolo in cui parlo dei rischi legali legati all’Urbex e delle 8 regole da seguire per evitare di finire nei pasticci.

Anno dopo anno gli edifici sono sempre più diroccati e pericolanti, per questo sono stati interamente recintati. Chiaro segnale della proprietà che intima di non accedere alle strutture.

Tuttavia…

…sono presenti molti varchi ben aperti che – come spiegato nell’articolo citato qui sopra – giocano a favore di noi amanti di ruderi in procinto di crollare.

Presta particolare attenzione se decidessi di accedere al Minareto, ex centro commerciale nonché l’edificio più imponente dell’intero borgo.

Le condizioni delle scale all’interno di questa struttura versano in pessime condizioni e sono a serio rischio di crollo.

L’Associazione Amici di Consonno

il bar gestito dall’associazione Amici di Consonno – immagine di Amici di Consonno

Mi rifaccio sempre a quanto riportato nell’articolo in cui parlo delle 8 regole di buona condotta da osservare durante un’esplorazione urbana.

Questo è un chiaro esempio di luogo abbandonato curato e gestito da un’associazione riconosciuta, che nel caso di Consonno prende il nome di “Amici di Consonno”.

Il mio consiglio è di prendere contatto con le persone dell’associazione comunicando il tuo interesse nel visitare il borgo onde evitare l’insorgere di problematiche di carattere legale con i proprietari delle strutture o le autorità del posto.

Gli Amici di Consonno sono inoltre coloro che hanno dato il via dal 2007 ai tradizionali eventi del paese come la “Sagra di San Maurizio”, la “Pasquetta a Consonno” e la già citata “Burrolata”.

Per ulteriori informazioni, a questo link trovi il sito al quale l’associazione Amici di Consonno si appoggia con il relativo indirizzo email per eventuali comunicazioni.

Curiosità su Consonno

riprese aree del borgo abbandonato di Consonno – video di Guido Fly

La “Città dei Balocchi”

Questo era il progetto per il rinnovo della piccola frazione di Olginate verso la fine degli anni ’60.

L’inizio del mito

Il Conte Mario Bagno, un imprenditore milanese che a quell’epoca con la sua azienda era attivo su tutto il territorio nazionale nella costruzione di aeroporti e infrastrutture, aveva adocchiato questa ridente località in provincia di Lecco con l’intenzione di trasformarla nella “Las Vegas Italiana”, o brianzola per meglio dire.

L’enorme progetto

Un vero Paese dei Balocchi in cui sarebbero stati erti ristoranti, alberghi, un centro commerciale e altre strutture ancora che richiamavano svariate culture – anche di epoche diverse – dalla Cina all’America, dall’epoca moderna a ritroso fino ai castelli medievali.

Erano previsti campi sportivi, piste di pattinaggio, luna park, zoo e anche una pista automobilistica.

Il silenzio dopo la frana

Tutti progetti caduti nell’oblio poco dopo l’inaugurazione a causa della frana avvenuta nel ’76 che distrusse la strada che collega Consonno a Olginate e decretando la fine del borgo.

Il Conte Bagno tentò in ogni modo di riportare indietro i turisti e gli abitanti, riparando a proprie spese la strada cancellata dalla frana. Ma coloro che furono inizialmente attratti dalla novità, persero completamente di interesse senza mai più fare ritorno.

Dal 1981 iniziò il degrado di tutti gli edifici, allora all’avanguardia, trasformando il Paese dei Balocchi della Brianza nel villaggio fantasma di oggi che tutti conosciamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 commenti

Post Recenti

Commenti Recenti

Rolando

Spiacente... non condividiamo il nostro materiale di lavoro. Piuttosto se avessi qualche domanda in merito rispondo volentieri!

Dall'articolo: Creare un conto economico immobiliare in modo rapido e semplice

gianluigi

buonasera, è possibile avere il file excel? grazie

Dall'articolo: Creare un conto economico immobiliare in modo rapido e semplice

Torna su

© Copyright 2018 CasaRevolution | CasaRevolution di Rolando Pollastri - via IV Novembre, 2 - 20060 Trezzano Rosa (MI) | P.IVA: 10088050967 - C.F.: PLLRND84H19C523O | Privacy e Cookie Policy | Tutti i diritti riservati


CHIUDI